Olio di CBD utile contro l'ansia: funziona?

Olio di CBD utile contro l’ansia: funziona?

Al giorno d’oggi sono sempre di più coloro che soffrono di disturbi di ansia o panico. Non bisogna solo pensare a quelli più gravi e che necessitano di trattamenti farmacologici mirati: ci sono situazioni che possono presentarsi all’improvviso nella vita di persone di ogni età. Nell’era moderna questi sono sempre più diffusi e diventa dunque fondamentale trovare delle soluzioni terapeutiche idonee. Tanti sono coloro che hanno ottenuto importanti benefici in seguito all’utilizzo dell’olio CBD che ha importanti proprietà in tal senso. Per ulteriori informazioni leggi qui.

CBD e THC: un confronto necessario
Troppo spesso negli ultimi anni si parla in maniera errata della pianta di cannabis e di tutti i suoi derivati. In passato, infatti, il cannabidiolo è stato sempre molto trascurato e molti si sono principalmente soffermati sul THC, il tetraidrocannabinolo. Quest’ultima è la molecola che determina assuefazione e sensazione di piacere con una serie di effetti psicotropi. Ma è bene prestare attenzione in quanto un abuso potrebbe anche generare ansia o alimentare crisi psicotiche. Ecco perché per diverso tempo in tanti hanno pensato che questa potesse essere una sostanza dannosa, includendo anche il CBD in quel novero di prodotti da non usare. E invece, andando a studiare dettagliatamente le proprietà terapeutiche e chimiche, si è riusciti a dare una totale autonomia ad entrambe le sostanze. In tal modo di ognuna sono stati riconosciuti alcuni elementi come meccanismo d’azione e soprattutto eventuali effetti collaterali. Il CBD può perciò diventare molto utile, soprattutto in forma di olio, anche per i disturbi della psiche. E gli effetti sono stati evidenti per ansia ed attacchi di panico, ma non solo.

Le proprietà dell’olio di CBD sul sistema nervoso
Bisogna parlare dell’attenzione notevole che è stata posta dal mondo della scienza e anche dai media sul mondo del CBD. I suoi effetti rilassanti e calmanti sono stati scoperti già in antichità: a dimostrazione di ciò vi sono degli scritti orientali in cui si parlava di una capacità considerata miracolosa all’epoca di riuscire a calmare le persone irrequiete. E la conferma scientifica è arrivata anche da test svolti sia sulle persone che sugli animali che hanno dimostrato come l’olio di CBD possa essere un toccasana per il sistema nervoso di chi soffre di ansia e altri disturbi psichici. Grazie a questi studi è stato possibile parlare di olio di CBD molto utile sia in caso di ansia da stress post-traumatico che ansia generata da sindrome ossessivo-compulsiva. Fino a dover considerare crisi di ansia generali, attacchi di panico e anche ansia sociale. Queste situazioni possono compromettere decisamente una normale vita delle persone, perciò diventa cruciale l’utilizzo di appositi prodotti. Il potere curativo del CBD è utile, dunque, non soltanto nella fase più acuta, ma anche quando ci sono sintomi particolari che possono durare nel tempo e quindi cronicizzarsi.

Perché scegliere l’olio di CBD?
Ovviamente molti dei sintomi precedentemente annoverati e anche i disturbi ad essi associati possono essere trattati con psicofarmaci. Non tutti però hanno voglia di sottoporsi a questo tipo di terapie che possono comunque dare senso di assuefazione ed esporre a rischi per la salute da un punto di vista degli effetti collaterali. Ecco perché sono sempre di più coloro che optano per l’olio di CBD che permette di ottenere una serie di benefici importanti, a partire dalla possibilità di avere una buona cura a lungo termine e che riesca a ridurre effettivamente vari tipi di sintomi. Chi si sta chiedendo se effettivamente convenga optare per una soluzione terapeutica del genere, farebbe bene a considerare che molti psicofarmaci comportano effetti collaterali che possono anche portare ad un rifiuto della cura. Invece il CBD non ha particolari impatti sulla vita quotidiana e su quella che è la sfera psichica di ogni individuo. Senza dimenticare che gli psicofarmaci possono dare dipendenza, mentre con prodotti come l’olio di CBD ciò non avviene né tanto meno si può andare incontro a qualche crisi di astinenza. Al momento si può dire che non sono stati segnalati degli effetti collaterali particolarmente importanti relativamente all’utilizzo della Cannabis per scopi terapeutici. Si parla in primis di nausea e vomito, ma anche diarrea, senso di stanchezza e torpore, oltre a bocca secca e amara.

L’olio di CBD: beneficio per il corpo e per la mente
Si può dire che utilizzare prodotti di questo genere permette di curare i sintomi di un attacco di ansia sia a livello mentale che fisico. Basti pensare al senso di agitazione e nervosismo che è molto comune in chi soffre di questo disturbo. Fino ad arrivare a tachicardia e tremore, ma anche sudorazione e asma che possono comportare un alterato e temporaneo malfunzionamento del corpo. In tali situazioni il CBD, in forma di olio ancor di più, riesce a funzionare bene soprattutto per regolare la respirazione e il battito cardiaco. Si capisce perciò che è ottimo per le persone che soffrono di crisi di ansia frequenti. Anche per chi ha disturbi della respirazione o anche problemi al cuore, come le aritmie che oggi sono un problema sempre più in diffusione.
Vale anche la pena considerare che il CBD agisce bene sui recettori della dopamina e su quelli della serotonina: appare perciò evidente che fin da subito si può notare una certa sensazione di tranquillità e benessere. Proprio queste sono caratteristiche essenziali per coloro che vogliono uscire dal tunnel dell’ansia. Non sempre è facile, ecco perché è fondamentale affidarsi a soluzioni terapeutiche idonee.

La posologia dell’olio di CBD per l’ansia
Per poter parlare di un prodotto che sia effettivamente funzionante contro l’ansia, bisogna precisare che è fondamentale seguire attentamente la posologia prevista. L’assunzione di CBD in forma di olio aumenta sicuramente i benefici associati all’assunzione del cannabidiolo, oltre a poter eliminare i rischi previsti usandolo per inalazione. Diventa perciò cruciale usare le quantità giuste giornaliere in maniera tale da arrivare a dei risultati soddisfacenti. L’olio di CBD si può assumere in gocce, direttamente da somministrare sotto la lingua, o anche all’interno di apposite capsule. Senza dimenticare che l’olio viene usato anche nella preparazione di prodotti per uso cutaneo come creme e pomate specifiche per diversi problemi.

L’importanza di trovare un buon rivenditore
Tanti sono coloro che sono alla ricerca di produttori e rivenditori di olio di CBD di qualità. E oggi, se non si sta attenti, è facile imbattersi in soluzioni ingannevoli e che non sono per nulla soddisfacenti. Ecco perché la cosa migliore da fare è quella di affidarsi solamente a rivenditori garantiti. Chi vuole conoscere quale sia uno dei migliori rivenditori online di olio di CBD farebbe bene a scoprire justbob.it!