Perché sempre più uomini restano calvi (e le donne no)? Ecco la spiegazione scientifica

Perché sempre più uomini restano calvi (e le donne no)? Ecco la spiegazione scientifica

È una domanda che sicuramente ciascuno di noi si è posto almeno una volta nella vita: perché gli uomini tendono a diventare calvi e le donne no? La risposta scientifica è piuttosto semplice, a dire il vero.

In Italia circa la metà degli uomini, in età avanzata, tende a rimanere calva, del tutto o almeno in maniera parziale. Le donne, al contrario, sebbene anche loro perdano moltissimi capelli durante la vita, corrono molto meno il rischio di rimanerne senza e, anzi, fino ad anziane non fanno che esibire lunghe chiome, candide, brizzolate o tinte che siano.

Significa che l’uomo è più sfortunato della donna, da questo punto di vista? Naturalmente esiste una spiegazione scientifica che risponde in maniera precisa a tutti i dubbi riguardo al tema. Sembrerà strano, ma ciò che principalmente causa la caduta dei capelli è l’ormone che rende gli uomini tali: stiamo parlando del testosterone.

Se vuoi avere maggiori informazioni su questo argomento, ti consigliamo di visitare il sito https://stefanorogora.it/.

Perché il testosterone causa la caduta dei capelli?

Molti ricercatori hanno concluso che il testosterone a livelli elevati può provocare la caduta dei capelli a causa di uno specifico ormone che produce. Il testosterone esiste nelle seguenti forme nel corpo.

1. Testosterone libero

Questa forma non è legata a nessuna proteina nel tuo corpo. Il testosterone libero è un ormone che è collegato ai recettori del testosterone e viene assorbito dalle cellule per svolgere alcune funzioni.

2. DHT

Il diidrotestosterone è derivato dal testosterone. È prodotto da un enzima chiamato 5-alfa reduttasi e DHEA (più comune nelle donne). Questo ormone si trova nella pelle, nei capelli e nella prostata.

Si lega ai follicoli che li fanno diventare di dimensioni più piccole, con conseguente diradamento dei capelli e alla fine la perdita di queste ciocche. Il testosterone e il DHT contribuiscono principalmente allo sviluppo delle caratteristiche sessuali secondarie negli uomini. Questi includono:

  • Un cambio di voce
  • Aumento dei peli sul corpo
  • Produzione di sperma
  • Crescita dei testicoli

I peli sul tuo corpo crescono attraverso i follicoli. I follicoli sono minuscoli pori sotto la pelle che contengono una intera ciocca di capelli. I tuoi fili hanno un ciclo di crescita che va dai due ai cinque anni, dopodiché raggiungono una fase di riposo e cadono.

Alti livelli di androgeni nel corpo producono un ormone chiamato diidrotestosterone (DHT), come abbiamo detto. Il DHT si lega a determinate proteine nel corpo, il che a sua volta riduce le dimensioni dei follicoli piliferi. Ciò può causare un diradamento dei capelli e può persino ritardare la crescita di nuove ciocche di capelli.

Sia i livelli bassi che quelli alti di testosterone possono provocare la caduta dei capelli. Dobbiamo capire che gli individui con bassi livelli di testosterone possono in effetti avere la stessa quantità di DHT che contribuisce alla caduta dei capelli (per fare un esempio, anche se raro, pure certe donne rimangono parzialmente calve).

È stato dimostrato che gli uomini con calvizie maschile hanno bassi livelli di testosterone con livelli medi di DHT nel loro corpo. Alcune persone hanno la stessa quantità di DHT di altre, ma i loro follicoli piliferi sono geneticamente programmati per essere più sensibili al DHT. Questo rende i loro follicoli più suscettibili alla riduzione delle dimensioni.

Che la tua perdita di capelli sia dovuta a livelli di testosterone fluttuanti? L’alopecia androgenetica negli uomini e nelle donne è legata alla fluttuazione dei livelli di testosterone e alla predisposizione genetica.

Si verifica in uno schema specifico che può eventualmente portare a una completa calvizie. È statisticamente provato, infatti, che se il padre ha il gene della calvizie e la madre no, il figlio maschio avrà meno del 50 percento delle probabilità di diventare calvo; per la figlia queste probabilità saranno nulle.

Se entrambi i genitori portano il gene della calvizie (entrambi i nonni, quello paterno e quello materno erano calvi, magari), allora c’è una possibilità su due che sia il figlio che la figlia restino parzialmente calvi.

Per fortuna i tempi sono cambiati ed esistono tanti modi per risolvere il problema della perdita dei capelli, che può anche diventare un problema psicologico. Nel portale Stefanorogora.it si possono avere tutte le informazioni che servono sui vari trattamenti che è possibile fare per risolvere questo fastidiosissimo problema.